Archivi categoria: sesso

Rassegnazione

 

(Da Canto della caduta, M. Parente)

Annunci

Morale.

Emanciparsi dalla moralità, è essere amorali?

E’ questo un periodo niente male. L’andamento tipico di alcuni meccanismi miei tipici fa uno spettacolo da circo molto divertente. Eppure non c’è molto che io possa fare.

Mi infastidiscono gli impegni, le date fisse, le decisioni irrevocabili. Tanto non riesco a rispettarli. Di che colore metto le mutande stamattina? “Non finisco niente” è un’insegna al neon che lampeggia sempre più spesso.

Poi mi innervosisce avere sonno, la sera, perchè è il tempo per me, per leggere, per scrivere. Invece è un periodo che sono stanca, alle dieci crollo. Mi sento tanto nonna pina…ma senza tagliatelle.

Mi infastidisce la gente, non sopporto guardarla, sentire i discorsi al bar, le solite menate di lavoro, di callosità fastidiose, di razzismi di varia portata. Stamattina al bar,  due donne parlavano di 50 sfumature de sta roba  grigia ecc. che dovrebbe essere letteratura erotica secondo alcuni. Un fenomeno letterario. Sono stata sul punto di invitarle a lettere la Grandes, oppure, facilmente  reperibile on line, Valerie Tasso.

 

Valerie Tasso
“Antimanuale del sesso”
No. C’era dell’altro. Credoci fosse un bisogno che prevaleva su tutti gli altri; c’era il bisogno di essere me stessa, un essere umano che si riconferma nella propria umanità sessuata, che vuole, tramite questa, sperimentare la sua condizione più profonda, i punti nodali del suo sistema affettivo, i limiti della corporeità el’odore dell’eccesso.
C’è un altro motivo, forse un po’ più difficile da spiegare, a sostegno della mia convinzione che«ho rapporti sessuali perché sono un essere sessuato», ed è che uscire da questa causa ultima significa entrare inevitabilmente in questioni morali, e ne abbiamo abbastanza che la morale si intrometta in questioni di sesso.

link: http://www.scribd.com/doc/64236658/Valerie-Tasso-ale-Del-Sesso


Scrivere: un posto …

La scrittura non è un movimento della mano. Non si risolve nelle dita che battono frenetiche no?. Non è sovrapponibile ai tecnicismi dei corsi di scrittura creativa. La scrittura è un posto libertario. Un’oasi. Un mondo a parte dove ci si risolve a patto di non essere avari di sé. Non ci si deve risparmiare. Nascondere, dissimulare, svelare “quasi” tutto: no, non si può.

Ti porti il lettore per pagine e pagine, gli racconti qualcosa per poi abbandonarlo un attimo prima, un metro prima, una manciata di righe prima di arrivare fino in fondo? perchè vuoi nasconderti? non vuoi osare? perchè pensi magari che ciò che non è facilmente condivisibile non sia adatto?
Ecco, questa è una sensazione che si percepisce da lettore. Lo senti che si, magari è un bel romanzo, un bel racconto, una bella poesia, ma manca qualcosa. C’è uno scarto che lascia smarriti, irrisolti.  Come camminare con un sassolino nella scarpa.

Amaro caglio rinsecchito da ripari banali di standardizzazioni convulse. Lo standard. Potrei scrivere un romanzo sullo standard (ma finirebbe con l’essere l’ennesimo incompiuto nel cassetto). Un virus che si è diffuso così tenacemente da essere accettato come un elemento necessario e fisiologico. Per esempio la sofferenza si deve mostrare e scrivere inzuppata nel dramma muovendola senza precipizi, senza disperazione. Magari senza molta instrospezione eh, che scoccia. La gente si scoccia. Scrivi poesie meravigliose, ma sono spesso tristi, mi ha detto, e non si possono leggere cose tristi sai? Ma la sofferenza è poesia.

C’è ancora posto per la poesia? C’è ancora posto poi per l’osceno? no, abbiamo standardizzato comodamente anche l’osceno (così come la sua accezione) perchè l’isterica diffusione di tutto –  ma ben appiattito – da la sensazione che niente ci sia più da scoprire.

Il posto dove il nuovo vive, dove l’emozione, la vertigine, il fervore del vivido c’è sempre, esiste. E’ quel mondo a parte che batti con le dita, che crei o ricrei, che accoglie generoso il tutto, tu e gli altri.  Fermarsi un pezzettino prima è da stronzi no? Come un amante che si lesina, che risparmia di conoscere i tuoi millimetri e percorsi per usarne abilmente, muovendosi su un livello sterile, senza pretendere tutto, ne senza donare ogni cellula, ogni anfratto cerebrale d’istinto.

C’e sempre posto per ogni cosa, in quel posto libertario. Quel prato verde sterminato dove corri, corri, corri.

Desiderio

Sono fuggiti
come cavalli selvaggi,
saltando il recinto
i miei desideri.

Da quel tuo sguardo
in poi
galoppano
a perdifiato,
divorando senza pietà per la carne,
come ciliegie mature
che spolpano in bocca
dipingendosi di porpora le labbra.

Correndo,
correndo
correndo.